Le minoranze religiose: per approfondire

<< Torna all’indice
<< Le minoranze nel mondo

C.A. Ciampi, La libertà delle minoranze religiose, a cura di Francesco Paolo Casavola, Gianni Long e Francesco Margiotta Broglio, Il Mulino 2009
«Un tema che dà senso ad una vita», così Carlo Azeglio Ciampi ha voluto intitolare la rivisitazione di un proprio testo giovanile, sulla libertà religiosa come diritto fondamentale e inalienabile della persona. A rendere il tema appassionante per un giovane formatosi negli anni del fascismo e maturato attraverso la tragedia della guerra, al punto da farne, nel 1946, l’oggetto della propria tesi di laurea, ha certamente contribuito l’esser nato a Livorno, città portuale da sempre crogiuolo di mille diversità, di culture, di costumi, di tradizioni. Un luogo che aveva visto svilupparsi comunità religiose non cattoliche tra le maggiori del nostro paese. Ma anche le esperienze della guerra prima e della Resistenza poi hanno acuito la sensibilità verso i diritti ed acceso la passione civile. Attorno alla libertà religiosa nell’Assemblea costituente si svolse un dibattito dai toni aspri e laceranti che misero a repentaglio la nascita della giovane repubblica. A 60 anni dalla Costituzione, 80 anni dai Patti lateranensi e dalla nascita dello Stato della Città del Vaticano, giova rivisitare attraverso le parole del giovane Ciampi le radici culturali e politiche della laicità di quello Stato italiano di cui un giorno egli diverrà presidente.

F. Paci, Dove muoiono i cristiani, Mondadori 2011
Negli ultimi tempi si legge sempre più spesso sui giornali di uomini e donne di fede cristiana perseguitati e spesso uccisi, per motivi religiosi, in numerose aree del pianeta dove il cristianesimo è religione minoritaria. Francesca Paci ci racconta alcune storie esemplari dei cristiani perseguitati di questi tempi, tracciando una mappa delle “zone calde” e spiegandoci come e perché suore, preti o semplici credenti vengono uccisi, e per mano di chi. Se in Africa, in Asia e in Medio Oriente, terreni di permanente scontro religioso, si verificano le stragi più feroci ed eclatanti, in Sudamerica sacerdoti e missionari, colpevoli di difendere i poveri e i senza terra, muoiono per mano dei narcos e dei militari. Ma anche in Occidente, senza grande clamore, accadono episodi di violenza e discriminazione come in Calabria, dove vescovi e religiosi subiscono ogni giorno minacce e persecuzioni dalla criminalità organizzata per la loro azione in difesa della legalità. Un reportage crudo e ben documentato, che fa luce su un fenomeno sempre più sotto gli occhi di tutti.