URL » http://idr.seieditrice.com/rivista-religione/senza-categoria/il-velo-islamico/

Il velo islamico

di Mariachiara Giorda
 

Il dibattito sul velo islamico continua a occupare i primi posti dei mezzi di comunicazione.
Lo testimoniano tre notizie delle settimane estive del 2010.

Los Angeles, 19 agosto (Adnkronos/Aki)
Un’impiegata musulmana di Disneyland ha citato in giudizio il famoso parco di divertimenti della California per averle vietato di servire i clienti indossando il velo islamico. Imane Boudal, hostess di 26 anni, diversi mesi fa aveva chiesto ai suoi datori di lavoro del Gran Californian Hotel di Disneyland di poter indossare il velo islamico. Siccome la risposta non arrivava, l’impiegata ha deciso di coprirsi comunque il capo in occasione dell’inizio del mese sacro di Ramadan, l’11 agosto.

Norvegia, 21 agosto
Il divieto di portare l’hijab per le poliziotte in Norvegia è illegale. Nel Paese scandinavo si riaccende il dibattito sul velo islamico, con il pronunciamento di un tribunale amministrativo che ha giudicato illegale il “no” all’indumento sul luogo di lavoro imposto alle aspiranti agenti.

Parigi, 7 agosto
Una banda di 4-5 uomini coperti dal niqab, velo islamico integrale che il governo francese vuole abolire, ha svaligiato un supermercato di Marsiglia armata di coltelli. I malfattori, dopo aver neutralizzato una guardia giurata, hanno svuotato le casse e sono fuggiti con il bottino, in corso di valutazione. Il 13 luglio, l’Assemblea nazionale ha approvato il progetto di legge per mettere al bando il velo integrale.

Proponiamo qui alcuni documenti e riflessioni per chiarire i principali aspetti della questione: